Istituto di formazione politica "Pedro Arrupe"
centro studi sociali
facebookTwitterGoogle+

Da sinistra: Giuseppe Rizzuto, Chiara Digrandi, Giulia Crisci, Bruno Buffa, Francesca Lotta.

Info

Al via la quarta edizione del Programma di ricerca “Idea – Azione”

20 Apr 2017

Con l’incontro di orientamento al modello pedagogico dell’Istituto Arrupe, svoltosi mercoledì 19 aprile 2017, ha preso ufficialmente avvio la quarta edizione del Programma di ricerca “Idea – Azione” finanziato dalla Tokyo Foundation per l’anno accademico 2017 – 2018.
Cinque le borse di studio assegnate, pari a 10.000 dollari ciascuna, ad altrettanti giovani ricercatori selezionati attraverso un bando che punta all’eccellenza del progetto di ricerca e al profilo dei candidati.
Le proposte affronteranno, lungo un percorso di un anno, le tematiche oggetto delle ricerche da un punto di vista strettamente teorico-scientifico con una particolare attenzione ai meccanismi e agli strumenti operativi in grado di promuovere la loro attuazione pratica.

 

Profili dei borsisti

Bruno Buffa
Laureato in Pianificazione territoriale e ambientale presso l’Università di Palermo, ha maturato sinora esperienze professionali nel campo della formazione e dei processi di partecipazione urbana. Impegnato attualmente in un percorso di elaborazione dei dati quantitativi attraverso la piattaforma GIS nella borgata palermitana di Mondello, ha presentato all’Istituto Arrupe un progetto dal titolo “Processi di riappropriazione dello spazio pubblico per la mitigazione della vulnerabilità sociale”.

Giulia Crisci
Laureata in Metodologie della storia dell’arte presso l’Università di Torino, ha partecipato a diversi progetti sociali, avviando collaborazioni con Enti e Associazioni nel campo della tutela di beni comuni e della relazione tra pratiche artistiche contemporanee e antimafia sociale.
All’interno di “Idea – Azione”, condurrà una ricerca dal titolo “Processi di cura tra arte pubblica e impegno sociale per la reimmaginazione e la risignificazione collettiva dei beni confiscati alle mafie, verso il riutilizzo sociale e la messa in comune”.

Chiara Digrandi
Laureata in “Intervento psicologico nello sviluppo e nelle istituzioni socio-educative” all’Università “La Sapienza” di Roma, attualmente frequenta un dottorato di ricerca in Educazione presso l’Universidad Complutense de Madrid nell’ambito dell’applicazione dell’arte nell’integrazione sociale.
All’Istituto Arrupe ha presentato un progetto di ricerca dal titolo “HOPE – Humanity of People. La fotografia, il cinema e le storie di vita come strumenti per costruire percorsi e metodologie di integrazione interculturale, trasformazione ed empowerment sociale”.

Francesca Lotta
Dottore di ricerca in Pianificazione urbana e territoriale presso l’Università di Palermo in co-tutela con l’Universidad Politécnica de Madrid, Doctor Europaeus, è attualmente cultrice della materia nel corso Urbanistica I dell’Ateneo del capoluogo siciliano. Autrice di numerose pubblicazioni anche in riviste internazionali, è attiva anche nell’ambito dell’impegno sociale, nel campo della tutela ambientale e della rivitalizzazione di aree marginali.
“Conoscere per intervenire. Mappare il disagio abitativo a Palermo” è il titolo della ricerca che è stata selezionata all’interno della quarta edizione di “Idea – Azione”.

Giuseppe Rizzuto
Dopo avere conseguito la laurea in Antropologia culturale e Etnologia presso l’Università “Alma Mater Studiorum” di Bologna, si è specializzato nel campo dell’insegnamento della lingua cinese. Fondatore dell’Associazione Officina Creativa Interculturale finalizzata all’ascolto reciproco delle diverse culture presenti a Palermo, è stato selezionato dal Programma di ricerca “Idea – Azione” per un progetto dal titolo: “Dietro le lanterne. Tempo e spazio tra i cinesi a Palermo”.

Al via la settima edizione del Programma di ricerca “Idea – Azione”

19 Giu 2020

 

Con il tradizionale incontro di orientamento al modello educativo dell’Istituto Arrupe, ispirato alla tradizione pedagogica dei gesuiti, svoltosi ieri, ha preso ufficialmente avvio la settima edizione del Programma di ricerca “Idea – Azione” finanziato dalla Sylff Association di Tokyo per l’anno accademico 2019 – 2020. Anche quest’anno cinque le borse di studio assegnate, pari a 10.000 dollari ciascuna, ad altrettanti giovani ricercatori selezionati attraverso un bando che premia la qualità del progetto di ricerca e il profilo personale dei candidati. E in considerazione della particolare situazione legata all’emergenza covid, la fondazione giapponese ha deciso di incrementare le borse di studio con un ulteriore finanziamento di 4.500 dollari ciascuna: un segnale di attenzione nei confronti del nostro Istituto e della nostra regione che ci sprona a fare ancora di più e meglio.

I borsisti (Claudia Maria Alaimo, Vincenzo D’Amico, Andrea D’Amore, Francesca Gattello, Eugenio Giorgianni) accompagnati da tutor scientifici (Carlo Cellamare, Ferdinando Fava, Giancarlo Leone, Antonio La Spina, Eugenia Montagnini), e pedagogici (Massimo Massaro, Anna Staropoli) affronteranno, lungo un percorso di un anno, le questioni oggetto delle ricerche da un punto di vista strettamente teorico-scientifico con una particolare attenzione ai meccanismi e agli strumenti operativi in grado di promuovere la loro attuazione pratica. L’augurio per i borsisti è che questo anno possa rappresentare una tappa significativa del proprio cammino formativo e professionale; l’augurio per tutti noi è che queste ricerche possano essere davvero utili per i nostri territori.

Per il profilo dei borsisti e dei tutor qui