Istituto di formazione politica "Pedro Arrupe"
centro studi sociali
facebookTwitterGoogle+

Religione popolare in Sicilia. La Madonna di Gulfi

Francesco Cultrera

Provincia Regionale di Palermo. Biblioteca Istituto di formazione politica “Pedro Arrupe” – Centro studi sociali, Palermo 2003

La religiosità popolare, che sembrava destinata ad un lento declino, ha ripreso vigore nel mondo cristiano e nelle altre religioni. In questa prospettiva, l’autore rivisita l’evoluzione della leggenda della madonna di Gulfi. Essa ha due anime. L’una, quella popolare, tramanda una narrazione e intuisce la sua rilevanza per l’identità religiosa della comunità. L’altra, quella dotta, rimane alla superficie della leggenda e ricerca invano una base storica.

L’analisi di Giuseppe Burgio, invece, presenta la comunità tamil di Palermo la quale integra nella tradizione induista le immagini del culto cristiano e di santa Rosalia in particolare.

 

Chiudi notifica

Gesuitinetwork - Normativa Cookies

I cookies servono a migliorare i servizi che offriamo e a ottimizzare l'esperienza dell'utente. Proseguendo la navigazione senza modificare le impostazioni del browser, accetti di ricevere tutti i cookies del nostro sito. Qui trovi maggiori informazioni